Isola Capo Rizzuto - GuidaCalabria

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Isola Capo Rizzuto

Itinerari Mare

Fiore dell'occhiello del crotonese è un festoso e piccolo centro turistico. Oggi è conosciuto per il turismo, l'agricoltura e per il suo clima mite e salubre. E' stato fondato da un popolo proveniente dall'Africa del Nord, i Japigi. Si narra che insediamenti umani ci fossero da più di 5000 anni a.C. Questo popolo, ha dato il proprio nome ai promontori che si bagnano nel mare antistante e che nell'antichità erano detti "Promontorium Japigium" gli odierni Capo Rizzuto, Capo Cimiti e Le Castella. Fu un importante centro di diffusione della religione cattolica. Possiede un'area marina protetta, i cui fondali sono unici in Italia per la purezza delle acque e per la presenza di numerosissime specie di pesci e di piante. Sulla sua costa si possono ammirare numerose specie di uccelli come il gabbiano grigio, il fenicottero rosa, le cicogne, le gru ed il martin pescatore. Da visitare il Castello costruito per difendersi dalle incursioni turche; la Chiesa di San Marco, il Duomo, costruito sulle fondamenta di un monastero normanno al cui interno si può ammirare una tela bizantina della cosiddetta " Madonna Greca" e il Museo Civico Demologico dell'economia del lavoro e della storia sociale, allestito con oggetti di uso quotidiano e dell'artigianato della civiltà contadina, per testimoniare la vita delle genti del luogo. Dal punto di vista gastronomico piatto tipico è il pesce fresco, ottimi primi piatti e per dessert sorbetti fantasia ed il gelato ai fichi.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu