Filadelfia - GuidaCalabria

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Filadelfia

Paesi di montagna

Nei paesi del lago Angitola sorge Filadelfia il cui circondario è rinominato per le bellezze naturalistiche. Oggi essa è indicata come esempio urbanistico in quanto è stata dopo il terremoto del 1659, ricostruita con un progetto d’avanguardia. L’accesso al paese era dato da quattro porte civiche, denominate Marittina, Vibonese, Mortana e Catacense ed una grande piazza. Presenta una planimetria a riquadri, con quattro quartieri e strade rettilinee ed ortogonali, ai lati della piazza si trovano quattro chiese affiancate da vecchi palazzi. La sua economia si basa sulle risorse agricole stimolate anche dalle fiere che si svolgono e che alimentano così il commercio. Da visitare: la Chiesa del Carmine, dichiarata dal Ministero dei Beni Culturali, di particolare interesse artistico perché si possono ammirare una Madonna della Croce, pregevole statua marmorea attribuita a G.B. Mazzolo ed un pulpito ligneo riccamente intagliato a mano e recante sul baldacchino diversi gruppi scolpiti. La Chiesa di San Francesco dove c’è un dipinto del Davoli raffigurante S. Francesco. E la Chiesa di Santa Barbara dove è conservato un prezioso Crocifisso ligneo del 1500, ad opera dello scultore Antonio Timpano di Castelmonardo. Degno di nota, pure, il Palazzo Serrao ed i ruderi dell’antico paese medievale in contrada Dirupi, come pure le grotte dell’antico paese ed i vecchi mulini ad acqua. Interessanti anche le ceramiche arabo-normanne, e le monete risalenti a Federico II.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu