Castello di Catanzaro - GuidaCalabria

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Castello di Catanzaro

Castelli di Calabria

Del castello di Catanzaro, sulla rocca del S. Giovanni, non esistono più tracce significative, visto che la solitaria torrette detta del Guisscardo altro non è che una ricostruzione stilistica del tardo Ottocento. La costruzione del castello è attribuita da alcuni storici a Roberto il Guiscardo nell'anno 1070. Ma è da ritenere che gia nel 904 la città avesse un proprio fortilizio e che la mano normanna abbia solo ingrandito e rimaneggiato l'impianto esistente. Costruito sul colle più esposto della città, divenuto simbolo dell'oppressione feudale, il castello doveva essere simile ad altre costruzioni fortificate dell'epoca; una cortina muraria difesa da torri alte e merlate, atte alla difesa piombata, chiudeva una corte interna. Una torre, probabilmente con funzioni di mastio, guardava la città e accoglieva l'orologio pubblico. Il castello fu la dimora di Antonio Centelles. Demolito per concessione aragonese, l'edificio servì per un secolo come cava di materiali. Con i suoi marmi, il vescovo Torrefranza abbellì la Cattedrale, mentre con le rovine furono edificate la Chiesa di S. Giovanni e quella dell'Osservanza. L'area del castello ha anche ospitato il Convento dei Teresiani, l'ospedale, le carceri dell'Udienza e gli uffici del Genio militare.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu